Ven. Lug 3rd, 2020

A P S E C

Associazione per la Promozione della Scienza dell'Educazione e della Cultura O.d.V.

Il Microcredito: prove mal riuscite di una finanza alla ricerca di una sua etica

8 min read

Di Pompeo Maritati

La microfinanza (Microcredito) prevede la fornitura di servizi e prodotti finanziari a popolazioni svantaggiate che sono escluse dal sistema bancario tradizionale. 

Forse non avrete sentito parlare spesso di Microfinanza in quanto il mondo moderno, nella sua folle corsa individuale ed egoistica a trattare numeri sempre più ampi, ha dimenticato di parlare del Microcredito.  Il Microcredito è frazionare la disponibilità finanziaria in una miriade di piccoli prestiti da erogare a nuclei familiari disagiati, per porre in essere piccole attività artigianali, commerciali o agricole.

Non pochi economisti “miopi”  hanno accostato il microcredito alla beneficienza, fossero i famigerati quanto inesistenti aiuti al terzo mondo (famigerati perché parlare oggi di aiuti al terzo mondo rappresenta una delle peggiori pagini della politica internazionale, dove più volte sono stati sottoscritti patti, all’interno dell’ONU, poi mai mantenuti). Una valutazione questa, per certi versi non proprio errata, perché spesso il Microcredito è stato posto in essere non tanto per favorire lo sviluppo di territori sottosviluppati o rivenienti da eventuali cataclismi, ma per consentire ad alcune banche di darsi una cosiddetta “anima buona”. In poche parole un investimento in marketing pubblicitario. Ecco perché, non sarà difficile incontrare opinionisti dell’ultima ora, o i soliti giornalisti improvvisati, che non si faranno scrupolo di fare di tutta un’erba un fascio, ritenendo il Microcredito, ovvero la Microfinanza, un flop o peggio ancora una elemosina.

Vi passo una chicca deliziosa ma mortificante per il contenuto: alcuni finanziamenti passati sotto forma di aiuti al terzo mondo, attraverso sistemi finanziari, sono stati utilizzati per l’acquisto di armi o per scopi di rafforzamento governativo locale. Non è raro trovare tra i conti dell’ONU che spese di ordine militare siano ritenute e catalogate quali aiuti alle popolazioni.

Il Microcredito ha avuto la sua spinta iniziale lentamente in Bangladesh, nel villaggio di Jobra.

Muhammad Yunus, economista e banchiere bengalese, fu l’ideatore e realizzatore del Microcredito Moderno, ovvero un sistema di piccoli prestiti destinati ad imprenditori troppo poveri per ottenere credito dai circuiti bancari tradizionali che definì il credito, ovvero i prestiti bancari in questo modo:

Il Credito nella Finanza e nella Banca dovrebbe rappresentare la Democrazia Economica
Il Credito, in tutte le sue forme è un diritto umano, quindi un’attività di promozione umana, sociale ed ambientale, i cui interventi dovranno essere valutati con il duplice criterio della vitalità economica e dell’utilità sociale.

Se a quanto asserito prima, leggiamo l’Art. 41 della nostra Costituzione, che recita:

L’iniziativa economica privata è libera.

Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.”

E dato che noi non vogliamo farci mancare nulla, ci aggiungiamo quanto previsto dall’Art.47 della nostra Costituzione:

La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.

Quindi, dalla lettura delle dichiarazioni di Muhammad Yunus e degli articoli della nostra Costituzione, ci rendiamo conto, che la realtà odierna è molto lontana da tutto ciò.

Il Microcredito: un valido strumento per far sviluppare  l’imprenditorialità e combattere la povertà 

 Sistemi di erogazione di prestiti a favore delle popolazioni indigenti sono esistiti in varie forme in Asia da migliaia di anni . In Europa, i monaci francescani formarono i Monti della Pietà nel 15 ° secolo per sostenere  le popolazioni più povere nella vita della comunità . La prima iniziativa in era moderna è stata rappresentata dalla cooperativa di risparmio e prestito aperta nel 1879 nella Renania tedesca . Fu il primo istituto finanziario mutualistico, che ha servito le popolazioni lavoratrici, dando loro accesso al credito. Lo stesso principio mutualistico continuò a prosperare in Europa per tutto il XX secolo. 

Successivamente, questi modelli di inclusione finanziaria, si sono rivelati insufficienti per arginare l’ondata di povertà in quello che era ancora noto come il “Terzo mondo”.

La microfinanza moderna, paradossalmente,  è emersa in uno dei paesi più poveri del mondo: il Bangladesh . Muhammad Yunus , un professore di economia, concepì la formidabile idea attraverso l’ osservazione che il libero mercato non era riuscito a impedire la carestia di devastare il suo paese. Lo sforzo per combattere la povertà, compresi aiuti e sussidi, non stava raggiungendo il suo obiettivo e il sistema bancario non era in grado di provvedere a queste povere popolazioni.  

Rappresentazione del Microcredito
Rappresentazione del Microcredito

Nel villaggio di JobraYunus decise di concedere un prestito personale a un gruppo di 42 donne per sostenerle ad avviare un’attività . Il risultato fu sbalorditivo: queste donne produttrici di sgabelli di bambù hanno approfittato del prestito per aumentare la loro produttività, prima di rimborsare la somma nella sua interezza. Questa prima iniziativa, può essere ritenuta uella fece partire su base della moderna la microfinanza: combattere la povertà attraverso il microcredito e servire principalmente le donne nei paesi emergenti. Se vogliamo un sistema semplice in cui basterebbe una semplice legge dello stato che prevedesse e imponesse al sistema bancario di investire una certa parte delle liquidità disponibili nella forma del Microcredito. Attualmente questa proposta è stata protollato nell’ambito dell’Utopia.

Quello che è successo a Jobra avrebbe potuto rimanere un incidente isolato. Ma Muhammad Yunus era determinato a replicare questa prima esperienza di microcredito altrove. Dopo aver ricevuto un’accoglienza tiepida dal sistema bancario, ha deciso di creare il suo programma: Grameen. Il sistema Grameen ha posto in essere una certa inversione operativa alle tradizionali attività bancarie: Offrire  piccoli prestiti alle popolazioni povere, senza garanzie finanziarie richieste in cambio . Ha inoltre introdotto il principio della responsabilità comune , che prevede la solidarietà tra i membri dei gruppi beneficiari . Infine, il programma ha preso di mira le donne, che erano state tradizionalmente escluse dal sistema finanziario. Sebbene fosse una scommessa audace, il programma ebbe un certo successo . 

Nel 1983, al programma denominato Microcredito fu riconosciuto lo status di “istituto bancario” . Nacque così la Grameen Bank (nota come la “Banca dei poveri”) che avrebbe presto registrato una crescita straordinaria . La banca ha aperto molte nuove ” filiali “, che sono ora presenti in oltre 80.000 villaggi . Le stime indicano che la banca ha esteso l’accesso al credito a oltre sette milioni di beneficiari  in Bangladesh, il 97% dei quali sono donne . 

Gli anni ’80 e ’90 hanno visto il modello esportato in tutto il mondo attraverso gli intermediari di ONG e istituzioni finanziarie. Presto è emersa un’industria di microfinanza a pieno titolo nei paesi in via di sviluppo . Molte altre istituzioni hanno progressivamente ampliato la rete globale di microfinanza: decine di istituzioni di microfinanza hanno aperto negozi in India; BancoSol e la rete ACCION sono stati aperti in Sud America e ADIE ha iniziato a operare in Europa e nel bacino del Mediterraneo.  

L’inizio del 21 ° secolo ha segnato l’ascesa internazionale del microcredito. Mentre il primo vertice sul microcredito si è tenuto a Washington nel 1997 , il G8 ha delineato i principi della microfinanza nel 2004, tracciando i contorni di un nuovo settore economico . L’ ONU ha nominato il 2005 ” Anno internazionale del microcredito ” e Muhammad Yunus gli fu assegnato il premio Nobel per la pace nel 2006

Le critiche alla microfinanza iniziarono a emergere negli anni 2000. Le prime crepe sono apparse nel 2007 con lo scandalo Compartamos. Fondata nei primi anni ’90 per concedere prestiti a donne messicane povere che vivono al di fuori delle aree urbane, questa ex organizzazione operante nel Microcredito, valutata quasi due miliardi di dollari, ha ricevuto una raffica di critiche tra cui: alti tassi di interesse e prestiti al consumo, intimidazione dei creditori, mancanza di trasparenza e attenzione ai profitti rispetto ai suoi obiettivi sociali.

Nel 2010, un’ondata di proteste ha interessato anche l’Andhra Pradesh, una delle prime regioni dell’India ad aver adottato il sistema di microfinanza. In seguito a una serie di suicidi tra i mutuatari e all’aumento della pressione da parte degli agenti di credito, i mutuatari si sono ribellati al sistema di microfinanza, che all’epoca era colpito da un’ondata di critiche da tutto il mondo. Il principale istituto di microfinanza indiano, Swayam Krishi Sangam (SKS), ha visto il suo tasso di insolvenza sui prestiti dall’1% a oltre l’80%.

Per questi motivi, i contorni della microfinanza sono cambiati negli ultimi anni. La gestione delle IFM è sempre più regolata dallo sviluppo e dalla standardizzazione degli indicatori di prestazione e di impatto. Anche le istituzioni finanziarie tradizionali hanno iniziato a sostenere le IFM per garantire il futuro duraturo del modello di microfinanza. 

E’ qui che s’innesta una aspetto critico, in quanto l’interesse del sistema bancario tradizione nel Microcredito è stato finalizzato al proprio interesse, condizionando le modalità di erogazione e allontanando i potenziali percettori, in quanto vedono nella banca tradizionale il ritorno al passato.

I paesi sviluppati stanno inoltre gradualmente adottando gli strumenti della microfinanza all’interno delle proprie economie. Ad esempio, BNL (sussidiaria di BNP PARIBAS in Italia) e PerMicro , la principale istituzione di microfinanza in Italia, hanno recentemente collaborato per affrontare l’economia italiana. NN Paribas supporta anche microimprenditori e micro-startup attraverso Créajeunes , un programma sviluppato da ADIE per incoraggiare i giovani persone tra 18 e 32 anni per avviare un’attività.  

Infine, l’espansione del microcredito ad altri prodotti e servizi finanziari (come il risparmio o l’assicurazione) tende a rafforzare la redditività e la vocazione sociale dei servizi di microfinanza. Il concetto di finanza inclusiva si riferisce a questo nuovo equilibrio che dicono, dovrebbe rappresentare un circolo economico virtuoso. Il mio scetticismo resta sempre profondo.

La finanza inclusiva si basa anche sulle nuove tecnologie per consentire alle popolazioni più povere l’accesso ai servizi finanziari. In Kenya, il trasferimento di denaro tramite SMS ha permesso a quasi 200.000 famiglie di sfuggire alla povertà estrema . La digitalizzazione dei servizi finanziari rappresenta anche un potenziale aumento del PIL di 3,7 trilioni di dollari per i paesi emergenti entro il 2025 .  

Dalle sue origini in un villaggio del Bangladesh, la microfinanza ha già lasciato il segno negli ultimi 40 anni di storia economica. Nel 2014, secondo il barometro della microfinanza, 1.045 istituti di microfinanza hanno servito un totale complessivo di 111,7 milioni di clienti . Il numero di mutuatari è triplicato tra il 2013 e il 2014. La quantità totale di microcrediti emessi in tutto il mondo è salita a $ 87,1 miliardi di dollari , con un aumento di oltre il 12,6% rispetto all’anno precedente . Questa forma di finanza etica e responsabile, al servizio delle imprese, ha già gettato le basi per superare le immense sfide future: soddisfare le esigenze di 500 milioni di persone in attesa di finanziamenti e lottare contro l’esclusione economica di 700 milioni di persone che vivono ancora in condizioni di estrema povertà

Il Microcredito cerca di fare la sua strada e aprire breccie nel sottobosco delle povertà, ma diciamocelo onestamente, tutto quello anzidetto, in merito al suo sviluppo è solo una goccia nell’oceano dell’egoismo finanziario mondiale. Se a questo ci aggiungiamo che dopo l’11 settembre la stragrande maggioranza degli stati occidentali hanno ridotto se non del tutto annullato la loro quota di partecipazione agli aiuti per il terzo mondo, ci si rende conto che dopo 20 anni dall’ingresso del terzo millennio, la situazione economica e sociale di una popolazione mondiale avvalorato su oltre due miliardi di persone, vive peggio della fine del XX secolo.

L’ONU ha posto in essere il solito gioco delle tre carte. Ha dichiarato che sino al 2015 ben 883 milioni di persone al mondo sono passate da un reddito di meno di un dollaro al giorno a più di uno, dimenticando di indicare che oltre 1 miliardo e 800 milioni di persone che erano al di sora dei due dollari al giorno, sono scesi sotto i due dollari. Quindi a conti fatti, complessivamente queste popolazioni, interessate da povertà e sottosviluppo, si sono ulteriormente impoverite, mentre le grandi lobbie della finanza hanno macroscopicamente accresciuto i loro utili. La finanza, appoggiata dalla politica sa usare bene le parole per descrivere ed enfatizzare risultati di grande utilità sociale, ma se ne guarda bene, poi, di analizzare pubblicamente i suoi introiti.

La regola ferrea della finanza che non ha mai regalato nulla a nessuno, con il microcredito aveva tentato di darsi una dimensione etica migliore, ma è mio parere che non ci sia riuscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllo * Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.